Senza categoria

Mamme in DAD

Avere un adolescente in casa è un’esperienza che tempra nel profondo. Averne due, eleva a livello di supereroi. Due in DAD in tempi di pandemia apre la via alla santità. Peccato che non aspiri a diventare Santa, ma solo ad invecchiare senza abusare di farmaci per colite e mal di testa, fatto questo impossibile in quanto madre dei suddetti adolescenti. Per non parlare della cellulite, che imperversa a causa dei livelli di cortisolo raggiunti per colpa del governo e del fancazzismo imperante tra le mura domestiche. E delle rughe, perché se ti arrabbi sei più brutta, non ci sono storie. Eppure io ce la metto tutta. Mi sveglio con il sorriso e l’energia di Mary Poppins, li coccolo con manicaretti che mai avrei pensato di preparare, lavoro con il cellulare, perché mi hanno preso tutti i pc disponibili in casa, e vi assicuro che scrivere un articolo di 4000 battute sullo schermo dell’iPhone mini è un’impresa. Infatti sono diventata presbite nell’ultimo anno, cosa che aumenta i suddetti livelli di incazzatura. Dicevo, cerco di rendere sto periodo il più sopportabile possibile, smussando, sdrammatizzando, supportando. La risposta? Menefreghismo, supponenza, strafottenza. E se li sgridi? “Ma tu non sei normale, calmati, il lockdown ti fa male”. Al che, io vorrei prendere loro, i loro cellulari, auricolari, cuffie, pc, Xbox, e metterli sul pianerottolo. Fora di ball. Che due schiaffi ci starebbero anche, ma servirebbero solo a far sfogo alla mia rabbia, con scarso ritorno educativo. Poi però mi trattengo. Che un po’ Santa lo sono davvero. Come tutte le mamme in fondo ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: