Senza categoria

Cenerentola

Non credo alle favole. Non le ho mai particolarmente amate, neanche da bambina. Tranne Cenerentola. Quella sì. Con le due sorellastre stronze e la matrigna che di sicuro si faceva di botulino. Con bidibibodibibu che mi ha sempre messo allegria. E ogni volta che arriva Halloween spero che la zucca si trasformi in carrozza, o meglio nella Lotus che il mio vicino ogni tanto posteggia sotto casa. Cenerentola e il suo tacco. Altroché Sex and The City, quella su un tacco ha costruito una fortuna, è la dimostrazione che un tacco 12 risolve sempre e a volte ti cambia la vita. Ecco perché ci proviamo sempre anche noi sui nostri trampoli. Che poi se Ceverentola fosse vissuta a Mortara sai quante scarpette avrebbe perso. Nel porfido, in mezzo ai sanpietrini, io li lascio un giorno sì e uno anche. Spesso ovviamente la perdo la scarpa ma visto che la mattina presto più che studenti non incontro, mi becco solo le risate di sfottò. Che i principi qui o non ci sono o si nascondono davvero bene. Come quello della favola che gira tutto il regno con una scarpa in mano, e la prova a tutti. Una scarpetta di cristallo poi. Sarà stato un soprammobile Svarovsky, di un numero strano visto che non va a nessuno. Io porto il 37, standard, quindi di sicuro qualcuno mi fregherebbe principe e scarpa. Che morto un principe se ne fa un altro. Ma il mio tacco12 no. Aspiranti principesse sono avvisate….

(1) Commento

  1. Tacco 12 o no, l’importante è quello che c’è ai piani superiori. Immagina se le sorellastre avevano lo stesso piedino di Cenerentola! E, per tornare ad oggi, tutte hanno un tacco dodici, come minimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: