Senza categoria

Aiuto

Quando stai male non chiedi aiuto. Il male lo tieni per te. Quello psicologico soprattutto. Ti arrovelli su una relazione finita, su un problema di lavoro, sulla paura per una malattia. Ma poi dici che va tutto bene. Sorridi e passi oltre. Quando stai male non alzi la cornetta per raccontare il tuo dolore ma piangi la notte quando nessuno può vederti. Quando stai male lo nascondi, perché non vuoi pesare, perché la gente merita i tuoi sorrisi, perché ti vergogni. E il tempo passa e fai il vuoto intorno. Perché a un certo punto l’hai in gola quel dolore e vorresti gridarlo, ma non riesci, e allora ti nascondi che nessuno se ne accorga. Un amico che percepisce il tuo disagio non deve chiederti come stai. Diresti bene, benissimo. No no. Deve prepararti una torta, regalarti un fiore, piombare in casa, farti vestire e portarti a fare shopping. Farti ridere. Perché nel riso troviamo a volte la forza di aprirci. Di chiedere aiuto. E a quel punto è fatta. Ma è dura arrivarci. Guardate negli occhi le persone. Potranno essere truccate, pettinate, fighe da paura, ma gli occhi non mentono. Mai. Guardatele. E se intravedete il dolore, non abbassate lo sguardo. Non lasciateli soli. Perché far sorridere due occhi tristi è un regalo che fate a voi stessi e che rende il mondo migliore.

(1) Commento

  1. Mai abbassare gli occhi davanti al dolore,con un sorriso una parola…lo guarisci. Basta poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: