Senza categoria

Apnea

Certi rapporti ti costringono a vivere in apnea. Non li respiri perché in fondo non sei te stesso. Sei l’immagine di ciò che credi piaccia all’altro. E così ti crei un te stesso parziale o alternativo, che si nutre dei suoi sorrisi e della sua approvazione. Puoi andare avanti anni, e come Gollum perdere per strada pezzi di stesso nella costruzione di un altro te. Oppure, un giorno, per caso, prendere una boccata d’aria. E accorgerti che sa di fresco e di pulito, che ti riempie di energia e ti fa sentire perfettamente a tuo agio. Perché non c’è nulla di più sbagliato che allontanarsi da sè fino a non riconoscersi più. Avete notato che quando piangete il respiro si tronca mentre una bella risata è per forza a pieni polmoni? Ecco. Respirate. Ridete. Vivete. Siate voi stessi e non permettete a nessuno di far sentire la vostra anima in gabbia. Abbiate la forza di prendere le distanze e di guardarvi con obiettività. Accettate le critiche. Fanno aprire gli occhi. Non è mai troppo tardi per iniziare a respirare….

(2) Commenti

  1. Ti stai guardando intorno?

    1. Oh io l’ho fatto da tanto tempo…era un invito per chi ancora crede che si debba cercare l’approvazione negli occhi altrui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: