Senza categoria

Angelo

Ho conosciuto un uomo tanto anni fa. Aveva mani bellissime, affusolate, sottili, che muoveva mentre parlava con discrezione. Ogni volta che penso a lui mi vengono in mente le sue mani. Sarà perché con quelle sapeva disegnare, gioielli, paesaggi, ma soprattutto cavalli. Tracciava sul foglio con sicurezza questi splendidi animali, eleganti e potenti. Eleganti come lui, che aveva la rara dote di esserci senza apparire, di parlare senza urlare, di fare senza commentare. Usava le sue mani per intagliare il legno e se gli chiedevi spiegazioni ti raccontava storie e avventure con il sorriso sulle labbra. Sorrideva, sì sorrideva tanto, e il suo sorriso non era di convenienza o sforzato, era dolce, semplicemente dolce. Una sera d’estate mi aveva insegnato a ballare il valzer, io impacciata nei miei vent’anni rock, lui leggero e sicuro, su quella pista improvvisata in una terrazza di un paesino di montagna. Ho conosciuto un uomo tanti anni fa. E oggi, nel mio personalissimo giorno della memoria, rivivo il cammino percorso insieme e mi sento triste. Allungo la mano in cerca della sua ma la posso solo immaginare, lo chiamo ma l’eco della mia voce è la sola risposta. Eppure sorrido. Abbraccio i miei figli. Perché so che questo lo riempie di gioia. Ho conosciuto un uomo tanti anni fa. Lui, il nostro specialissimo angelo custode. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: