Senza categoria

Settembre

Quando ero piccola, a fine estate, durante il viaggio di rientro da Sestri Levante, si facevano i buoni propositi per l’anno nuovo. Che in effetti l’anno vero, quello lavorativo, quello sportivo, quello insomma in cui si fa e si disfa inizia a settembre. E così, mentre il mio adorato mare si allontanava e le gallerie facevano di continuo zittire la musica alla radio, si iniziavano a snocciolare le buone intenzioni per l’autunno. L’idea partiva sempre da papà e con gli anni ho avuto prima il dubbio, poi la certezza, che approfittasse delle due ore di viaggio in cui non potevamo sfuggire dall’auto, per farmi un po’ di ramanzina preventiva. Dalla scuola agli impegni domestici, dal linguaggio più pulito alla promessa di non rompermi più la pellicina delle dita. Così, per anni. E alla fine è diventata un’abitudine che ho trasmesso pure ai miei figli, che mi guardano con sufficienza e commentano con un “mamma scialla” che se lo avessi detto io al colli mi avrebbe probabilmente lasciato al primo autogrill. Quindi eccoci a settembre e ai buoni propositi. La pellicina non me la rompo più ma solo perché spendo soldi per lo smalto e quindi cerco di far fruttare il mio investimento. Le parolacce cerco di gestirle ma mi sono convinta anche che un certo slang renda meglio l’idea di alcuni stati d’animo, con buona pace dei miei genitori che ancora mi riprendono quando mi esprimo in toni lontani da quelli dell’Accademia della Crusca. Nel lavoro, in famiglia e negli affetti credo di essere da tempo sulla buona strada, e non ci sono state lamentele, per cui o va bene o mi hanno accettata per come sono, e non è poco. Per il resto, in questo nuovo autunno pieno di progetti, prometto a me stessa che avrò sempre di più rispetto di ciò che sono e di ciò che voglio, che ad ogni caduta mi rialzerò più forte, che non smetterò mai di pensare in grande e di mettercela tutta per realizzare ciò che penso. E se andrà male, l’anno prossimo ci riproverò. Che le buone abitudini non vanno mai abbandonate…

(4) Commenti

  1. GIORGIO dice:

    Settembre per un asinello come me era spesso il mese degli esami di riparazione che però sfociata sempre nella promozione…ma poi nella vita settembre e sempre stato,nel limite del possibile, il mese delle ferie con i suoi colori diversi e i locali ed alberghi più a misura d’uomo.
    Insomma settembre un bel mese da semprep

  2. Ero lì che leggevo il tuo post, stupendo come gli altri che ho letto e guarda caso, io abito a sestri! 😛 🙈

    1. Dai!!! Che fortuna! Io ci vado da quasi quarant’anni…allora nel blog troverai altri articoli in cui ritrovi, la baia è il mio cuore…ho casa in via Portobello😘

      1. Wow anche tu non scherzi con la fortuna! Io abito vicino alla stazione, ma in baia ci vado spessissimo, è davvero magica❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.