Senza categoria

Halloween

E arriva il giorno in cui i tuoi figli escono per andare alla festa di Halloween nella discoteca dove tu hai trascorso notti a ballare. Inspiegabilmente però non provi nè invidia per la gioventù che è un ricordo sbiadito, nè per l’uscita tra musica, limoni duri e qualche cocktail. (Che se si azzardano a berli sti cocktail, li sviluppo come sei deve…). No, no, niente rimpianti. Per la verità godo come un riccio che ad accompagnarli sia mio marito, mentre io leggo un libro sul mio divano. Unica trasgressione una coperta leopardata, che peraltro è per me la copertina di Linus ed è meno provocante di un pigiama di flanella. Ho finto un “se vuoi lì porto io” a cui per fortuna lui ha risposto con un “ci mancherebbe”. Eh, l’amore si vede anche da queste piccole cose. Al ritorno ci berremo un bicchiere di rosso e punteremo la sveglia per andarli a recuperare. Andarli…andrà lui, io terrò il letto caldo. Una volta gli avrei promesso follie al ritorno, ora so che neanche con una pianta intera di ginseng potrei farcela ad aspettarlo sveglia. Torneranno i pargoli, li bacerò, annuserò alito per sentire se hanno fatto i bravi e crollerò di nuovo nel letto. Se sarò fortunata, riprenderò anche lo stesso sogno. Perché ormai ho una certa. Ed è il loro tempo. A me lasciatemi una cenetta, un teatro o cinema, un bicchiere con chi amo. Il cubo ha fatto il suo tempo. E così sia 😉 🎃🌹

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: