Mostra 881 Risultato(i)
Senza categoria

Scrivere

Me lo ricordo ancora la prima volta che ho messo su carta un pensiero. Mio, intendo, non chiesto dalla maestra, non frutto di un dovere, semplicemente mio. Non mi piaceva scrivere, non amavo i pensierini, mi mancavano le idee e immancabilmente piangevo. Sono sempre stata una piagnona, quello si, ma non per il dolore, no no, per il nervoso, la rabbia. Ancora adesso. Quel magone da nervi, che è l’alternativa pacifica al sacco da boxe per sfogare le giornate no. Ecco, davanti al foglio vuoto, non c’era verso, piangevo ancora prima di arrivare a casa da scuola, la mamma apriva la porta e c’era un tipetto con le trecce, la faccia scura, la ruga sulla fronte che già faceva capolino. Poi, un giorno, ho provato a tenere un diario. Era un quaderno alto, copertina rigida, a righe. Si perché a me le sfide sono sempre piaciute toste. Mica ho preso un Block notes, no, un tomo da riempire, con le righe fitte, neanche un po’ di bianco per i disegni. E mi sono messa lì. I primi due pensieri li ricordo, tipo lista della spesa, di una palla immensa, una faticaccia arrivare in fondo alla pagina. E avevo scritto grosso, un bluff come quando ho dichiarato sulla carta di identità di esser alta 1.60, neanche in punta di piedi, ma ci hanno creduto e poi il tacco è sempre in aiuto. Poi però è arrivato il momento, ero stata al circo, che peraltro non amo, e mi sono persa nella descrizione di animali, giocolieri, forme e colori, quattro pagine senza accorgersene. E ho trovato la via. E voi direte mannaggia al circo, mi sa che diventate tutti animalisti, che se non fosse stato per Nando Orfei, ora il pippone ve lo risparmierei. E invece no. Non ho più smesso. E adesso con gli Smart phone è ancora più facile, perché posso scrivere sempre, in ogni occasione, anche per strada, mentre cammino con l’iPhone tipo navigatore in mano, e quando arrivo a casa mi accorgo che ho pestato pure il biologico di qualche dolce cagnolino, e tu spiega al tuo lui che stavi scrivendo una pagina di grande intensità letteraria mentre gli porgi la tua scarpina e l’espressione “per favore fallo tu che io sto male”. Incompresa ma felice. Oggi più che mai, che grazie a qualche amico e a un editore che forse non si rende neanche conto della follia, questi pensieri sono stampati in un libricino vero, con tanto di ISBN, che per me vale più del numero di una carta di credito gold. 

Senza categoria

40

Visita medica. Domande di rito, tra cui quella dell’età. 40. Accidenti ho 40 anni. Si perché un conto è festeggiarli tra brindisi e candeline, battute e luoghi comuni, e un conto è dire “ho 40 anni”. Che peraltro suona meglio di 39, è pieno e definito, ti fa entrare a buon diritto in tutti i cliché sull’età che risuonano da più parti. Una quarantenne col tacco 12. Che così però sa tanto di tigre del ribaltabile, Sex and The City e chi più ne ha più ne metta. Ok, sono quaranta e rimarranno così per dieci anni, perché ormai si ragiona in decenni. Se ci pensiamo, tra 39 e 40 sembra esserci una voragine, mentre dire 42, 43, 44, è lo stesso, insomma, 40 è un tot. 40 come i ladroni, e quanto mi piacerebbe essere Alì Babá e fregarli tutti sti ladroni di sentimenti che incontri ogni giorno; 40 come la durata del diluvio universale, i giorni di Gesù nel deserto, la quaresima: praticamente un periodo di privazioni che a questo punto dovrebbe essere finito e, allora, che la festa cominci; 40 come la noia nella Smorfia napoletana, sentimento sconosciuto, mai successo che mi sia annoiata, ho sempre il piano B durante le partite di calcio o la formula uno; 40 come la canzone degli U2 o gli anni passati dal mitico parallelo Stenmark-Thoeni, pochi giorni prima che nascessi, come se lo sci fosse destinato a entrarmi nelle vene fin da subito. E allora che sia, e ci tengo a dimostrarli tutti, con le mie rughe intorno agli occhi e alla bocca, la cervicale, le difficoltà di recupero dopo una serata passata a ballare, perché li ho e sono stati intensissimi, pieni di difficoltà, gioie, decisioni, scelte, azioni, conoscenze, vittorie, tante vittorie, e altrettante sconfitte. Pieni di sorrisi e di sfide a me stessa, come Sisifo impegnata a far salire sempre in alto quel masso che poi finiva per rotolare di nuovo giù. E sarà ancora così nel prossimo decennio, si rassegni chi mi sta accanto, solo me la godrò un po’ di più, in omaggio a quella consapevolezza che l’età porta con sè, accetterò mio malgrado gli acciacchi che necessariamente verranno, cercherò di farmi pestare un po’ meno i piedi e vedrò di pestarli un pochino di più io. Ovviamente sempre con uno snobbissimo tacco 12….

Senza categoria

Donne

Quanto é dura essere donne. Oggi come in passato. Anni di battaglie per diritti, parificazioni, legittimazioni e la strada è ancora lunga. Che nel mondo del lavoro la parità è ancora lontana. Che ci sono professioni che saranno sempre al maschile, anche nella forma grammaticale. Che una donna brava nella sua professione un qualche trucchetto dovrà pur averlo usato oppure sarà la figlia di. Non sono una pasionaria e col tempo tanti muri verranno abbattuti, almeno fuori casa. Si perché poi ci sono i rapporti interpersonali. E troppe sono le violenze, non tanto fisiche, quanto psicologiche. Inconcepibile, inaccettabile. Così è dura essere donne. E lo dice una fortunatissima, rispettata dal suo uomo, che mi rendo conto è una conquista e non un diritto. È dura concentrare in questo nostro piccolo corpo la mamma, la moglie, la figlia, la lavoratrice, la casalinga, e poiché non vogliamo farci mancare nulla anche la sportiva, la festaiola, la blogger, tutto ovviamente ad un livello di perfezione imperfetta, multitasking all’ennesima potenza. E così la nostra quotidianità è quella del cellulare all’orecchio, la mano che gira il risotto, l’altra che rivede i compiti del piccolo, mentre il grande ti chiama per un problema di vita o di morte, tuo marito non trova le calze, tua mamma ti messaggia, e intanto pensi all’articolo che devi scrivere, alla multa per divieto di sosta da pagare, ai posti a tavola dell’ultimo evento e a cosa metterai per l’uscita del giorno dopo. Momento standard della nostra quotidianità. Anche oggi. Che vedremo tante mimose in giro, che peraltro non mi piacciono, che sentiremo servizi al telegiornale sulla nascita di questa festa, statistiche, percentuali, numeri, donne speciali e donne ordinarie, lotte e diritti…Che il diritto di farci un mazzo così ogni giorno, quello lo abbiamo conquistato di sicuro. E ne andiamo fiere. Io almeno sì. E lo faccio col sorriso. Un abbraccio speciale a tutte le donne incasinate come me….

Senza categoria

La mamma

Perché la mamma è sempre la mamma. E la mia è speciale. Con la sua creatività che le fa addobbare casa a Natale come se fosse Macy’s a New York, dipingere negli anni qualsiasi superficie lecita, dal legno alle magliette dalla ceramica al vetro, la aspetto per il body painting e poi abbiamo esplorato tutto. Con la sua distrazione, mitica in famiglia, l’unica cosa che non ha mai perso è la sua bambina e le sarò eternamente grata per questo. Con la sua dedizione ad amici e parenti, che se potessi scegliere come dovrebbe essere l’amica ideale sarebbe come lei, dare dare dare e ancora dare e se riceverò bene, altrimenti amicizia è questo, e scusate se è poco. Con le sue risate, la voglia di ballare e fare festa, estrosità allo stato puro, bauscia nell’anima, la parte che più amo in me l’ho presa da lei, sorridere alla vita, sempre, anche quando dentro magari ti senti morta. Con il suo amore per me, sconfinato, unico, totale, che io ho messo alla prova, momenti terribili le ho fatto passare, adesso che sono mamma lo capisco, eppure lei mai fatto pesare, mai perso la forza, avanti sempre avanti. Con i suoi baci, abbracci, che non sai se te li da o se li prende, ma fanno tanto bene a tutti. Con i suoi pianti, spontanei e diretti, una donna vera, trasparente, virtù rara ai giorni nostri e per questo ancor più encomiabile. The special one, senza dubbi, e non solo per me. Tanti auguri mamma.

Senza categoria

Fit for fun

Fitness che passione! Da ragazza ipersportiva che invece di “Cioè” leggeva “Fit for fun” non potevo non trasformarmi in una quarantenne con lo spirito adolescenziale, che si diverte un mondo a sperimentare attività varie ed eventuali per tenersi in forma. In buona compagnia peraltro. Sì perché la quarantenne sportiva del terzo millennio ama circondarsi di amiche un po’ invasate come lei, che allo shopping compulsivo preferiscono l’allenamento in sospensione oppure un qualche esercizio dal nome altrettanto bizzarro ma terribilmente allettante. Preferiscono…no, questa è una bugia. Prima si allenano e poi si danno allo shopping, perché tutta sta fatica per il gluteo sodo bisogna poi ricompensarla con un regalino, no? Eccomi dunque con l’amica speciale di fronte a Ivan Drago per una lezione di Funzionale, che ti chiedi, funzionale a che? Ma a qualcosa funzionale lo sarà, se sabato pomeriggio corri, ti pieghi, balzelli, fiatone e mammamia come è dura. Ivan Drago è leggero come una piuma mentre balzella col suo quintale di muscoli sullo step, mentre tu hai le levità di un elefante stanco e già buona che non ti sloghi una caviglia. Funzionale l’aperitivo che segue, questo sicuro, e giustificato. Tanto hai sudato prima. Che una scusa ci vuole sempre. Poi, alla vigilia di Natale, mentre le altre inseguono l’ultimo regalo, noi ci tuffiamo in un match di squash. Prima volta, eppure da subito ci divertiamo un sacco. Ci facciamo pure fotografare, ma chi siamo noi, troppo forti, troppo in forma. Talmente in forma che, a un certo punto, presa dal trip agonistico, le assesti una racchettata diretta sul naso, una botta della madonna, che tutta sta forza te l’avrà data il funzionale, ma temi di averle rifatto i connotati. E di doverle regalare un naso nuovo per Natale. Che ti toglie dall’impiccio del cosa le compero, ma insomma, sanguina e io collasso. Sì perché il rosso relativo è solo quello di Tiziano Ferro, quello è assoluto e ti senti mancare. Che alla fine è lei che ti chiede scusa. E lì capisci che è una tosta. E per fortuna tutto si risolve. Sarà necessario brindare, che una scusa ci vuole sempre….Sabato mattina, dopo un venerdì sera dalle ore piccole. Sessione di spinning. E non potremo mica farcela mancare, no? Anche se hai dormito tre ore, ti gira ancora la testa per il limoncino, insomma non sei in forma. Eppure no. Voi siete sempre in forma. Parti e dopo un quarto d’ora ti chiedi se arriverai ai quarant’anni. Che sono tra un mese, ma tu senti che potresti non arrivare alla fine dell’ora. Ma tieni duro. Su, giù, stringete, fate vostra la strada, che tu la vedi un po’ annebbiata, meno male niente alcol test qui, accarezzate il cuore, mo’ il mio esplode, ma accarezziamolo va, e sta sella maledetta antiergonomica al massimo e tu non hai i pantaloncini imbottiti, no, troppo facile, un fastidio allucinante, ma arrivate in fondo all’ora. Grondanti, paonazze ma soddisfatte, foto di rito, e dammi un cinque. In fondo non è stata dura, una bella doccia e basta, a parte il fatto che ogni velleità amorosa è rimandata di una settimana, chiusa causa spinning. Che pranzo in piedi, tra le risate generali dei miei uomini che questa mia sportività non la capiscono. Siamo donne, oltre alle gambe c’è di più, cantava Joe Squillo qualche anno, ops decennio fa. Ecco decennio. Il quarto è in agguato. E allora, indovinate un po’? Brindiamo, che questa sì è una buona scusa…

Senza categoria

Cuore

Alleniamo bicipiti, tricipiti, pettorali, glutei, addominali…li alleniamo con costanza e loro si rinforzano, lo sforzo diminuisce in condizioni analoghe e noi diventiamo più forti. È una logica conseguenza ed è comune a tutti: i muscoli allenati si rinforzano. E allora perché per il cuore non è lo stesso? Un muscolo in fondo. Eppure, benché sia sempre in moto, anche mentre dormiamo, anche quando non ci pensiamo, non si allena mai abbastanza. Perché le emozioni sono peggio delle flessioni, fanno bene al cuore, e poi male, e poi ancora bene, e non ce la farai mai ad allenare il muscolo cardiaco tanto da non sentirlo più dolere per i mille sentimenti del nostro vivere. Palpiterà sempre come la prima volta, veloce veloce, anche in una come me a cui il cuore batte piano piano per natura, e non ci resterà che ascoltarlo e seguirlo, atleti incapaci di plasmare il muscolo della vita….

Senza categoria

Charlie

Tante parole avrei voluto spendere a commento di quanto accaduto ieri. Ma già c’é chi lo sa fare meglio di me, in primis gli amici giornalisti che mi vanto di conoscere e frequentare. Solo una nota. Uno spunto. Ascolto le cronache ed è coraggio la parola che rimbomba. Coraggio di esprimere la propria opinione e di cambiarla. Coraggio di essere se stessi, fino in fondo, al bando le ipocrisie in cui ogni giorno ci si imbatte. Coraggio di guardare in faccia gli altri, di non adeguarsi, di accettare la diversità, perché la mia diversità non é diversa dalla tua, ma guai a ledere la mia libertà. Perché, frase banale e trita, la mia libertà finisce dove inizia la tua. Coraggio di ribaltare la propria vita se così non va e di affrontare tutte le conseguenze col sorriso e senza dare la colpa agli altri. Tutti bravissimi a dare la colpa agli altri. Troppo facile. Ci vuole coraggio, come quello di chi scrive sulle pagine di un giornale che migliaia di persone leggeranno, le proprie idee, la propria visione. Verba volant, scripta manent. Coraggio di amare e anche di odiare, coraggio di guardare negli occhi una persona e esporre il proprio pensiero, coraggio di accettare le altrui opinioni, di contestarle e valutarle. Coraggio di essere univoci e comunità nello stesso tempo, coraggio di fare il proprio lavoro ogni giorno, di vestire camminare ridere parlare urlare, di essere. Senza maschere, anzi senza veli, dritto negli occhi, testa alta. É nella società che accetta che questo coraggio venga meno per pigrizia, paura, indifferenza, agio, che poi qualcuno pensa di uccidere per chiudere la bocca. “Prima di ogni altra libertà, datemi la libertà di conoscere, di esprimermi e discutere liberamente secondo coscienza” John Milton, 1644….

Senza categoria

Capodanno

31 dicembre, ore 6.30, sveglia. Ti alzi dal letto con forza ed energia, come da tempo ormai, questo 2014 ha portato tanta vitalità, ti senti tra i sedici e i diciotto anni con la consapevolezza dei quaranta, ovvero il massimo. E poi ancora una manciata di ore di lavoro e sarai in montagna con i piedi nel camino, un bicchiere di rosso in mano, ad aspettare gli amici per il cenone di Capodanno. Relax. Bagagli pronti. Bagagli…un trasloco come al solito, una giornata a raccogliere tutto, che quando sei là non vuoi che ti manchi nulla. Vacanza all inclusive. E mentre pensi a questo asciugandoti i capelli, tuo figlio entra in bagno. Mi gira la testa, dice. Avrai la cervicale, gli rispondi, che a un bambino di nove anni anche no, ma è la prima cosa che ti è venuta in mente e magari si tranquillizza. Vai a letto, dai. Dopo tre minuti, torna. Mi sa che devo vomitare, e dal verbo vomitare all’inizio di nightmare passano cinque secondi massimo. Cervicale mi sa di no. Nausea ok, ma così è un po’ troppo. Indigestione? Illusione che dura un quarto d’ora, quando, all’ennesimo giro, ti rassegni al fatto che tuo figlio ha l’influenza. E di botto sei tornata alla tua età biologica, quaranta, tutti, portati male anche. Dopo un’ora hai capito che il camino resterà spento e che dovrai annullare la compagnia traslochi e disfare tutto. Al lavoro sei odiosa. Metti i timbri a secco con la stessa violenza di Rocky contro Ivan Drago. Pomeriggio tra catino, supposte e altre amenità che le mie colleghe mamme ben conoscono. E poi prepari qualcosa per la cena, è pur sempre capodanno no? E mentre giri le lenticchie gli anni sono già intorno ai cinquanta, se valutiamo le occhiaie, che in un impeto ti sbatti su una palata di contorno occhi al caviale, col risultato che sembri tu una tartina e gli anni sono sessanta. Tavola, candele, tentativo di atmosfera, nel frattempo il piccolo sta meglio, come da universale legge di Murphy. E lì, seduta davanti al tuo cotechino, il vino rosso, Gigi D’Alessio in tv, te ne senti ottanta di anni, ma non di quelle ottantenni da casinó o serata danzante, che hai sempre pensato saresti diventata, no no, di quelle tranquille, con lo scialle sulle spalle, i movimenti insicuri, una passione per Barbara d’Urso e Massimo Giletti. E in quel momento, sì in quel momento, cominci a ridere, ma di gusto, con le lacrime agli occhi, da non riuscire a smettere, senza motivo, o forse il motivo è che il 2014 si merita una bella risata, non certo un muso lungo, di quelle grasse e godute, come in fondo è stato lui. E lasci che a traghettarti nel nuovo anno sia proprio il sorriso, con cui vorresti, come l’influenza del piccolo Lory, contagiare il mondo….😃

Senza categoria

Buonanotte

Buonanotte. Buonanotte in una notte senza luna e senza stelle, in un cielo che aspetta le renne e la scia luminosa di una slitta. Buonanotte ai balconi illuminati, alle vie silenziose, agli abeti decorati. Buonanotte ai bambini, le braccia in alto, il naso un po’ chiuso, i sogni di giochi senza fine in un mondo di cioccolata. Buonanotte ai ragazzi, auricolari, cellulare, musica, poesia e social, e una manciata di sicurezze da non disilludere. Buonanotte a chi é felice, a chi é sereno, a chi cova rabbia, a chi urla al cielo, a chi vuole di più, a chi é rassegnato, a chi ha fame di ogni fame, a chi piange, a chi ride e a chi non ha più la forza nè per il pianto nè per il riso…buonanotte a chi ama, a chi si sente tradito, a chi non sa come fare ma una soluzione si trova, a chi non arriva a fine mese, a chi pensa sempre al domani e non vive il presente, a chi spera e a chi non ci riesce più…buonanotte a chi in una notte così non riesce a dormire e di fronte alle luci dell’albero si sforza di credere che siano le stelle, le immagina cadenti ed esprime desideri, a chi si fa cullare dai ricordi e a chi nei ricordi non ci crede più, a chi non ha certezze se non la propria immagine nello specchio…buonanotte, e mi sento un po’ Marzullo in questo leitmotiv di fine dicembre, sottovoce, si faccia una domanda e si dia una risposta…buonanotte…

Senza categoria

Letterina

Caro Babbo Natale, ecco la mia letterina…e visto che sono precisa ma esosa, per semplificarti il compito l’ho messa in ordine alfabetico…quindi sotto l’albero vorrei…
Amici, quei due che mi hai regalato quest’anno…non ne voglio di nuovi, ma quelli per sempre
Birra, rossa e corposa, un po’ di scorta per i momenti in cui decisamente ce vo’
Candele, per illuminare e scaldare ogni giorno
Dubbi, qualcuno, ma solo davanti all’armadio la mattina
Emozioni, quelle che lui non sa nemmeno di darmi…
Fogli, per scrivere i pensieri e le frasi che non ho il coraggio di dire
Gelato, al cioccolato, nella cialda, con sopra gli smarties…yesss
Humor, perchè qui ci si prende tutti troppo sul serio
Idee, che non mi mancano mai, ma un po’ di scorta così da regalarle anche agli altri
Libri, ovunque e di ogni tipo, per la mia anima e il mio cuore
Mare, mare e ancora mare, suoni, profumi, colori…
Neve, perché sciare è il mio più grande atto di libertà
Occasioni, per reinventarmi ogni giorno
Peccati, eddai qualcuno, se no che noia!
Quid, ovvero quel particolare che rende speciale questa mia vita…ancora ancora…
Risate, fragorose e sfacciate…che le rughe d’espressione per le troppe risate sono un vanto
Sole, nel cielo, nel cuore, ovunque
Tenacia, perché con l’età a volte comincio a cedere il passo
U2, che un biglietto potresti però portarmelo eh..
Vino, rosso e corposo..vedi alla voce birra
Z….visto che con la zeta non ho richieste, mi gioco il jolly e banalmente duplico la A, amore, quello che lascia senza respiro e che ti fa dire Oh my God…
Esagerata??