Senza categoria

Stelle

“Mamma, come fanno le stelle a stare attaccate al cielo?”” Tesoro, sono abbracciate e legate da fili sottilissimi che le tengono su””E perché ogni tanto qualcuna cade?””Perchè vuole provare a volare da sola, ma questo non è possibile e allora cade sulla terra””E muore?””Oh no, amore, le stelle non muoiono mai. Quando cadono sulla terra si spengono e iniziano a vagare alla ricerca di una loro simile. Alcune si arrendono sui monti e diventano stelle alpine, altre sulla spiaggia e si trasformano in stelle marine, altre ancora tra le rocce e diventano splendidi cristalli. E poi ci sono quelle fortunate, che incontrano una loro sorella. Quando la sentono vicina, la loro luce si riaccende e diventa sempre più viva man mano che la raggiungono””E cosa fanno mamma?””Quando si riconoscono, si abbracciano e iniziano a risplendere insieme e non si lasciano più””E tornano in cielo?””No, bambino mio, nella vita non si torna mai indietro, si può solo andare avanti, come fanno le stelle: abbracciate, percorrono il mondo illuminandolo con la loro follia e poesia.” E preso un sasso dal mare vi disegnarono una stella, piccolo amuleto di una storia senza fine…

Senza categoria

Salento

Mi sono innamorata. Un colpo di fulmine. Come una ragazzina al suo primo appuntamento, come la protagonista di un romanzo d’appendice dell’Ottocento. È bastato uno sguardo nella luce del tramonto di un’estate ancora bambina. Con la tavolozza di tutti i blu del mare, l’acqua punteggiata di bianco della superficie increspata dal vento, mare nostrum, in cui ti aspetti da un momento all’altro le trireme doriche con le loro vele rettangolari. Con il bianco delle case, che la luce di un sole qui più vivo rende ancora più candido, quelle case basse e squadrate, le finestre un po’ arabeggianti, che qui dopo i Greci sono i Turchi ad aver lasciato il segno. Con l’imponenza del castello, forte, massiccio, che all’istante hai capito perché Walpole ne ha fatto il protagonista del romanzo gotico per eccellenza. Con il vento, la tramontana, che ti attraversa da parte a parte e scuote la tua anima, ed è lei che subito ti fa sentire a casa, lei che tanto ti aveva affascinato nel romanzo di Luca Bianchini “Io che amo solo te”, un cult nella tua libreria, un must have e non lo avresti mai detto. Con il profumo della salsedine, del pesce fresco, delle verdure grigliate, degli ulivi, della macchia, che ti chiedi se si può chiudere in una boccetta e portarlo con te nelle risaie e nella nebbia. Con il suono del tamburello, la tarantella, la pizzica, che le feste popolari non sempre le capisci, ma qui è la colonna sonora perfetta, un Morricone da oscar, con il dialetto in cui si risentono le inflessioni degli antichi coloni, e tutto questo per te è magia. Così ho perso la testa. Così mi sei entrata nel cuore, Otranto, e mi sono trovata anche io a camminare su bastioni del castello come fossi un fantasma….

Senza categoria

On fire

Sveglia all’alba, che di dormire oggi non se ne parla. Alle quattro e mezzo stiri una camicia e la mente rimbomba. Rolling Stones, stasera, a Roma. Per giorni hai cercato di evitare il pensiero, adesso però Start me up ti martella nel cervello e l’adrenalina sale. Un bambino che entra a Disneyland o una sedicenne alla sua prima in disco sarebbero meno agitati. Freccia Rossa per Roma. Sembra il treno dell’Oftal, trasporta malati di Rock e non ha bisogno dell’elettricità, perché l’eccitazione collettiva ne produce da corto circuito. All’arrivo non hai bisogno di chiederti dove si va perché basta seguire la fiumana di gente di tutte le età che costeggia il Colosseo, l’Arco di Costantino, calpestando parte di quella via Sacra che hai la certezza che Orazio avrebbe dedicato una Satira a tutto questo. Alle tre sei già nel Circo Massimo, i Fori sullo sfondo, e l’immenso palco che aspetta i suoi dei. Non sai come ma vi piazzate in un posto spettacolare, vista perfetta e inizia l’attesa. Ovviamente fai amicizia con tutti, riesci a farla con un palo della luce, figuriamoci con veterani che hanno assistito al concerto degli Stones l’11 luglio dell’82 quando l’Italia ha vinto i Mondiali. Che sono cose che fanno storia. Che anche tu stasera ti senti parte delle storia. L’adrenalina si mescola allo stordimento del biologico fumato per ore da quelli davanti a te, very relax, peace and love, e alla curiosità per il variopinto scenario umano che hai di fronte. Dal burino palestrato in costume da bagno che fa di tutto per farsi notare, ai reduci di Woodstock con tanto di capelli bianchi lunghi e fascia, alle signore che aho statte attenta che me pesti lì diti…si perché la pressione diventa tanta, mai visto così tanta umanità, un tappeto immenso in attesa. Ed entra John Meyer, cantante country blues, e già è magia. Una chitarra elettrica che incanta, un personale di tutto rispetto, nel tramonto del sole. E poi. E poi arriva lui. Mick Jagger. Tre ossa in croce, il viso che sembra il Gran Canyon, ma inizia a ballare e cantare ed è così l’uomo più sexi del pianeta. Non per dire. Davvero. Non te ne capaciti ma trasmette una sensualità unica, è lui lo show, domina il palco ed è il re dei 70.000 del Circo Massimo. Keith Richards e Ron Woods fumano mentre suonano la chitarra, hai l’impressione che si divertano un botto, con quelle magliettine attillate e quel fisico che è un miracolo delle rehab. Charlie Watts una macchina da guerra, non si ferma un attimo per due ore, ci droga con la sua batteria. Fantastico. Unico. Vita allo stato puro. Esci a mezzanotte e devi tirare le sei del treno. Una Guinness in un pub irlandese, tanto per non farsi mancare nulla, e poi a Termini. Che è chiusa. E sono le tre. Non fai una piega. Davanti all’ingresso, tra un clochard barbuto e un reduce del rock come te, allunghi la tua copertina rossa per terra, il tuo lui a fianco a te, e sopra un’altra copertina, perché bisogna sempre essere chic, anche sdraiati per terra a dormire davanti a una stazione, che se ti vedesse tuo padre gli verrebbe un infarto. LaColli on fire. Roma 22 Giugno 2014. Satisfaction, oh yes.

Senza categoria

Maturi

Vent’anni fa la stessa alba di una notte insonne prima degli esami. Che se ci pensi il ricordo è seppiato, un po’ accartocciato sui bordi, eppure certi particolari rimangono vividi come se fosse successo ieri. L’attesa sullo scalone, il toto tema, i banchi nel corridoio, il prof. di filo che ti dice state tranquilli, andrà tutto bene, e la forte sensazione che non ci creda nemmeno lui. I fogli sul banco e poi più nulla, che scrivere mi ha sempre trasportato altrove e la paura scompare per quelle ore. Un’altra notte insonne, e la versione di latino. Che Macrobio manco sapevi fosse uno scrittore romano, che ti sei sempre chiesta se la macrobiotica centri qualcosa e nel dubbio eviti lei e qualunque cucina che non comprenda una bella fetta di salamin d’la duja. Che quella versione ti sembra talmente facile che ti convinci che hai fatto un disastro, perché tre anni di sudore con una prof di greco e latino che non perdona la virgola omessa, ti hanno decisamente temprato. E poi passano i giorni, il cartellone delle materie, il tuo adorato greco sostituito da fisica, che tanto è la stessa cosa no? Che lì hai capito che le cose vanno sudate, che nulla è scontato, che forza è massa per accelerazione, come se te lo fossi tatuato. Perché la maturità ti dice che devi tirare fuori le palle, sei davanti ad un’incognita e devi uscirne, al meglio. E vent’anni fa non avevi i prof che ti aiutavano, anche con uno sguardo, eri lì di fronte ad estranei e dovevi far vedere che eri matura. Non ci credevi, non lo sei neanche ora, ma dovevi convincere gli altri, come un buon sofista. E questa è la vita, in sintesi, in cui non saremo mai più bravi e più belli degli altri, in cui le cose semplici non ci interesseranno, in cui le battaglie perse in partenza saranno una tentazione troppo forte. La maturità del 94, la nostra maturità…

Senza categoria

Rimbaud

Lo capisci subito, che è un giorno diverso dal solito. Appena metti giù i piedi dal letto, guardi l’ora e sono le quattro e dieci. Sì, del mattino, non del pomeriggio che quella sarebbe stata manna dal cielo. Torni a letto e aspetti, che Morfeo torni dalla pausa caffè e ti riporti nel mondo dei sogni. Niente. Sciopero. Non gli avranno rinnovato il contratto. Allora ti alzi, inutile risvegliare gli istinti di chi ti sta accanto, che alle quattro del mattino rischi pure un due di picche. E di lunedì alle quattro del mattino non è un bel modo per iniziare la settimana. In cucina, caffè  mentre lentamente albeggia. Intorno silenzio, solo le rondini, qualche auto lontano. Ed è quasi poesia. Sì quasi. Perché in questo falso idillio lomellino, si inserisce a ricordarti che non sei a Praia de Pipa il rumore dell’asciugatrice di quelli di sopra, seguito dopo poco da un bisbiglio fra i due e un vadavialcù, che ti ricorda che i veri legami, quelli forti ed eterni sono quelli in cui bisogna essere chiari. Senza eufemismi. Altroché trottolino amoroso. Un giorno diverso, perché ti siedi sul balcone e leggi Rimbaud, l’aria fresca che ti accarezza le vesti, pensieri che si accavallano, la mente che vola altrove. Perché si può. Anche se sei seduta a fianco ai bidoni della differenziata. Anche se la vista è quella di una ciminiera che meglio non farsi domande. Anche se tra poco la magia si spezza e si deve tornare alla maschera del quotidiano. Un libro è questo. Un viaggio. Della nostra anima, della nostra mente. Che ognuno di noi crea, diverso, ogni volta, perché le parole attraversano l’anima e arrivano alla mente che le accoglie in base al sentire di quell’attimo. E il tempo vola, la vita ricomincia senza sapere che sei andata e tornata da un altro mondo, la casa si anima, uno alla volta i tuoi uomini ti riportano con i piedi per terra. Fin troppo. E devi ricominciare a rispondere alle loro domande, necessità. Come quelle del più piccolo, che appena sveglio ti guarda e chiede “Ma Del Piero ha un uccellino ammaestrato?”…eh caro Rimbaud, altroché Battello Ebbro… 

Senza categoria

Palestra

Giugno. Tempo d’estate. Tempo di mare e di prova costume. Finalmente metteremo in mostra ore e ore di palestra, a tonificare qui, a tirar su di lì, a sudare sul tappeto. Ecco il tappeto. Se c’è una cosa che mi piace è correre. All’aria aperta, possibilmente in riva al mare, cullata dal rumore delle onde, o anche in campagna, tra le risaie. Non sempre però è possibile, e allora rimediamo con il tappeto in palestra. Dove il paesaggio è diverso, meno bucolico forse, ma vario ed etologicamente davvero interessante. E mentre corri osservi gli eredi dei body builder anni 80, di Schwarzenegger, Stallone e compagni, che ti spiezzo in due era uno dei miti della nostra generazione, e che a te però non è mai piaciuto tanto. Li noti perché si impegnano come non mai, vocalizzano come i leoni della savana, lavorano in coppia, pantaloni larghi un po’ a sbuffo, che hai capito sono così perché il bicipite tira più del polpaccio, o almeno loro credono così, canottiera slabbrata, cappellino in testa, pettorale enorme in vista e una pinacoteca di tatuaggi. Si perchè la differenza fra il body builder anni 80 e odierno è la passione per il Tattoo, ovunque, che ti accorgi che spesso li fissi per seguire il disegno e capire dove va a parare, che sono talmente tanti che ti chiedi se portano in tasca la legenda o se invece li hanno fatti per una sorta di horror vacui su quel corpo che si è ampliato a dismisura. Mah. Dall’altra parte, le camminatrici. Arrivano, salgono sul tappeto, camminano un’ora, alcune leggono un libro intanto, e vanno a casa. Non afferro il senso. Un bel pomeriggio di shopping produrrebbe a mio avviso più endorfine, si macinerebbero più chilometri, e non mi terreste occupato il tappeto per un’ora, chiaro? Oh poi immancabili alcuni signori che avresti detto una volta anziani, adesso sono diversamente giovani, cinque volte alla settimana si allenano, conoscono tutti, tengono il passo, fanno infiltrazioni ogni due per tre ma non mollano, la battono a tutte indistintamente e tu gli vuoi un bene dell’anima perché ti fanno sorridere. Ecco poi ci sono quelli che riescono sempre a migliorarti l’umore, e questi sono quelli per cui frequenti la stessa palestra da secoli, perché la prova costume è una bella molla, ma sono le relazioni umane quelle che rendono tutto davvero tonificante, la battuta con chi ti allena, gli immancabili doppi sensi della pausa pranzo, le chiacchierate mentre pedali che perdi di vista l’ora e fai la Milano Sanremo ridendo del più e del meno. Tutto qui. Perché in fondo una bella corsa scarica e ti fa sentire incredibilmente leggera.

Senza categoria

Curve

Non mi piacciono le strade rettilinee, quelle strisce monotone sempre uguali, non amo le auto con il cambio automatico, simili a quelle dell’autoscontro ma meno divertenti perché non puoi tamponare le altre, non sono di quelli che ascoltano i notiziari o le tribune politiche in radio, perché mi annoiano a morte e rischierei di addormentarmi…amo le curve, le strade di montagna, quelle in cui devi continuare a cambiare, a giocare tra frizione e freno motore, la guida nervosa, il rumore continuo che i miei braccialetti fanno al polso mentre sposto la mano dal cambio al volante…adoro la musica ad alto volume, del sano buon vecchio rock, che ti sembra sempre di essere Kerouack on the road, il finestrino abbassato, il vento che ti muove i capelli….perché in fondo la vita è questo, una strada piena di curve, in salita, in cui è inutile che ti volti a guardare il passato perché perderesti solo di vista il presente con il rischio di andare a sbattere contro il muro, che puoi affrontare solo se sei disposta a cambiare marcia a seconda delle situazioni e a farlo sempre con la stessa energia propositiva, sempre con la musica nel cuore e con la certezza che in questo viaggio non sarai mai sola….

Senza categoria

La manta

Seduta sulla spiaggia, di fronte al mare che tanto bene conosco, il sole che sparisce dietro alle case, l’aria che si fa fresca. Una mamma richiama i bimbi, basta giochi nell’acqua, bisogna stare qui, un po’ tranquilli, assaporare la bellezza del tardo pomeriggio sulla sabbia. Accoccolati vicino a lei, mamma raccontaci una storia, siamo nella città delle favole, sì una storia al tramonto in riva al mare è il testo ideale alla musica delle onde che si infrangono sulla battigia. C’era una volta, sì perché le fiabe iniziano sempre così ed è già magia, c’era una volta una principessa che viveva in un castello in riva al mare, un mare lontano, abitato da pesci grandi e di mille colori. La principessa aveva un re e una regina che le volevano bene, tanti vestiti e servi a sua disposizione, ma era sola, senza amici, non fosse per un cagnolino che le aveva regalato un giorno un paggio e che le scodinzolava sempre intorno. E amava il mare, la spuma delle onde che si infrangeva sugli scogli, l’azzurro, il turchese, il verde, il blu, tutta la tavolozza che quella distesa le offriva ogni giorno mentre la guardava, dal suo balcone, con il suo cagnolino a fianco. Spesso si soffermava sulle barche dei pescatori, sul loro lavoro continuo, prima, durante, dopo, sulla loro carnagione riarsa dal sole, sulle mani nodose, sull’abile maestria nel manovrare le loro imbarcazioni. E spesso lo sguardo si fermava su di uno che pescava da solo, rientrava la mattina presto dopo la notte in mare e non si soffermava con gli altri; forse per questo l’aveva attirato, sembrava solo come lei, intento nel suo lavoro. Eppure non era mai riuscita a vederlo bene, sembrava giovane, ma aveva sempre calato sugli occhi un cappello, che non lasciava palesare nulla del suo aspetto. Poi, una mattina, all’alba, affacciandosi ancora in camicia da notte, il pescatore alzò lo sguardo verso di lei e la tavolozza dei colori si tinse tutta di verde, un verde che esiste solo nel mondo delle favole, mille pagliuzze di mille verdi differenti che si fondono in una magia. La principessa corse giù dalle infinite scale del suo castello, a piedi nudi, corse per il cortile, attraversò il portone dell’ingresso, la brezza marina che sollevava le vesti, corse sulla sabbia e se lo trovò di fronte. Avrebbe voluto chiedere che cosa voleva dire vivere il mare, sentire le onde nel cuore, respirare la vita, ma non riuscì a pronunciare parola. Tante domande in tante giornate trascorse su quel balcone si erano in dissolte in quello sguardo. Portami via con te, gli disse. Non posso, rispose. Perché? Io sono il mare tu sei la terra, io mi infrango sui tuoi scogli, a volte invado i tuoi terreni, tu mi impedisci di arrivare ovunque, ma saremo sempre due elementi distinti. Le mie onde baciano la spiaggia, con delicatezza o con ardore, io posso farti sognare, ma solo se tu sei la terra e io il mare. Allora una lacrima scese dal volto della principessa, sulle vesti, fino a cadere sulla sabbia, e scivolare giù giù fino al mare. Lei si spogliò e si tuffò, apparve e scomparve più volte nell’azzurro, uscendo dall’acqua come per volare e rituffandosi nel profondo. Da allora nessuno l’ha più vista ma tutti giurano che ogni volta che il pescatore esce a gettare le sue reti, una manta elegante vola sull’acqua all’orizzonte. 

Senza categoria

Favole

Sì decisamente vivo nel mondo delle favole. Perché credo che l’educazione sia un fatto spontaneo e comunque dovuto, che la gentilezza paghi sempre, che un grazie e un sorriso non costino fatica e rinfranchino l’animo. Perché penso che a una mail o ad un messaggio di un conoscente si debba sempre rispondere in tempi circoscritti, perché dall’altra parte c’è qualcuno che aspetta e dobbiamo imparare a metterci sempre nei panni degli altri. Perché ho l’abitudine di richiamare se vedo una chiamata persa, anche se non conosco il numero, perché qualcuno aveva bisogno di parlarmi e, se ha sbagliato numero, non perderò più di un minuto ma sarò stata cortese. Perché buongiorno buonasera ciao salve non sono parolacce e se sono accompagnati da un sorriso fanno di sicuro piacere. Perché ho imparato che rispondere con garbo ad una persona maleducata è disarmante e che chi alza la voce è perché sa di non avere buone ragioni da spendere. Perché infine ritengo che tutto questo sia contagioso e se lo applichiamo tutti un pochino ne trarremo sicuro giovamento. E tutto questo, mi dicono, esiste solo nel mondo delle favole…

Senza categoria

Ritardo

In ritardo. Perennemente in lotta con l’orologio. Colpa dell’agenda che permette di sovrapporre gli impegni e alla fine ti ritrovi a dover fare in un’ora spesa, benzina, visita dal pediatra. Impossibile. Perché non ce la puoi fare, menti perfino spudoratamente a tuo figlio che non ti vede all’uscita della scuola dicendo ero lì dietro non mi hai visto, quando invece sei arrivata con cinque minuti di ritardo, hai posteggiato l’auto in quarta fila, perché hai provato facile.it, ma il posteggio te l’hanno soffiato sotto il naso, altrochè. Come sabato sera. Uscita a due. Lui ed io. L’ultima volta tuo figlio beveva dal biberon e adesso ha il 37 di piedi. Sei quasi emozionata. Lui è pronto, bello come il sole, davanti alla porta, mani in tasca, tu entri in bagno, mi trucco e arrivo. Apri la pochette, che chiamarla pochette è un insulto alla lingua francese, una busta che i Nas potrebbero sequestrarti, simile al laboratorio di Pollock intento nell’action painting. La apri e prendi la terra e questa cade per terra. E’ la terza legge di Murphy, se hai una seratina fashion e sei di corsa, il contenitore della terra cade sul pavimento. E si frantuma. In tanti quadrettini che sembrano i pezzi di un mosaico etnico. A questo punto commetti l’errore di provare a tirarla su con la mano, le tesserine si frantumano, prendi il pennello, lo passi sul pavimento così sei sicura che penetri bene nelle fughe delle piastrelle, però almeno ne recuperi un po’ e riesci a truccarti. Per terra il macello, non vuoi farti vedere, seratina che doveva essere perfetta, provi a pulire con la carta igienica imbevuta di acqua, tutto questo con una minigonna inguinale e il tacco dodici che i funamboli del circo ie fai un baffo. Alla fine, dai, non si vede, ti alzi, ti trucchi, dai sono quasi in orario, ti guardi, sulla maglietta bianca l’impronta della mano Natural Bronze, che fa molto tribale ma alla fine è come quando vai in un negozio a provare una maglietta e, per quanto stati attenta, la sporchi di netto di trucco e poi, con nonchalance la lasci lì e dici che ci penserai…Esci dal bagno, perfetta, lui è pronto, bello come il sole, in effetti non si è mosso, si sarà addormentato?, mani in tasca, le chiavi le prendi tu? A me danno fastidio. Si perché loro escono solo con il portafoglio, al massimo le chiavi della macchina. Noi abbiamo il trolley. Portafoglio, che di per sé è già una borsa, fazzoletti, agendina, che non si sa mai che tu debba vedere che Santo sarà il 6 agosto 2015, astuccio con tanto di micromina e mine, crema per le mani, scaduta perché tanto non la sopporti ma fa chic, salviettine intime, perché nei locali non si sa mai, salvo che poi vai in bagno senza borsa e naturalmente il rotolo è finito, occhiali, assorbenti…ecco gli assorbenti, nella loro bustina verde, viola, azzurra, che ha il potere di uscire sempre per prima dalla borsa quando cerchi qualunque cosa davanti a un estraneo, e poi le medicine, un kit di sopravvivenza anche se vai nella pizzeria sottocasa, e cellulare, ipad, ricarica…mammamia, non sono una donna, sono un marsupiale, la sorella di Babbo Natale. No, anzi, la Befana. Con l’impronta da walk of fame sulla maglia. Che riempie la calza in ritardo, il 7 gennaio, perché il 6 stava pulendo la terra con la scopa….